lunedì 19 novembre 2012

Brodo di magro

Premetto che in cucina sono abbastanza elastica, anche se da sempre (o almeno da adulta) ho cercato di eliminare prodotti pronti per passare al fai da te: niente merendine, né verdure surgelate e soprattutto niente dado...anche se quella del dado istantaneo a casa mia è una battaglia persa...passo le ora a far brodi e appena mi distraggo il mio buon Bubino mi schiaffa un bel dado pronto dentro al mio brodo...potreste dirmi: non lo comprare! Ma chi conosce Bubo sa benissimo che il suo passatempo preferito è la gita alla Metro dove compra quantità enormi di cibarie tra cui il dado e altro acerrimo nemico...il preparato per il purè istantaneo...
Ma evidentemente i geni non sono acqua e ne ho trovato conferma nel brodo della nonna....:

Ingredienti:

8 patate pelate
2 carore
2 cipolle
sedano e pomodoro

"Dapprima far dare un bollo forte e poi mettere in cassetta per cinque ore. Si scola la verdura che, passata tutta insieme, può fare una buona purea di contorno e si mette nel brodo pasta, pane, riso o altro".

...ci vuole un po' di pazienza, ma la differenza si sente.
Posso provare a porre un quesito? Perché le patate del brodo dopo tante ore di cottura non si disfano? Così: giusto una curiosità...C.

Nessun commento:

Posta un commento