giovedì 6 dicembre 2012

Giovedì gnocchi (al sugo di spuntature)

Oggi mentre tornavo dal lavoro guardavo quanto sta bene il grigio a questa città. Un mio amico direbbe che è per via del mio segno zodiacale se mi piace il tempo brutto, la giornata che finisce presto, l’acqua, i pantani e il fango. Ero in macchina e mentre guidavo gli alberi e i palazzi spiccavano su questo cielo dallo sfondo così grigio e di improvviso è arrivato il buonumore...Può mettermi serenità quello che gli altri chiamano “brutto tempo”? 
Missione successiva pasare alla fonte dell’acqua vicino casa. Ebbene si, sono fortunata...vicino casa c’è una piccola fonte, un cortile pieno di cannelle dove tanta gente del quartiere va a riempire, a davvero basso costo, bottiglie e bottiglie di acqua. Oggi, dati gli scroscioni di pioggia, dentro il cortiletto c’eravamo solo io e la signora che sta alla cassa, e l’acqua ovunque. La sensazione era così piacevole che era come stare nell’ovatta. 
E in tutto questo pensavo che la mia vita sta cambiando. L’acqua alla fonte, le verdure al mercato....e...giovedì gnocchi (non ci sperate, niente sabato trippa, almeno non io!).





Per gli gnocchi
1 kg patate 
1 uovo
3 hg farina 
sale

Per il sugo
8 spuntature di maiale
1 bicchiere di vino rosso
750 gr di passata di pomodoro
1 cipolla grande
peperoncino
olio evo
sale 
parmigiano

Lessare le patate in abbondante acqua salata. Pelarle e passarle allo schiacciapatate quando sono ancora calde. Aggiungere la farina e l’uovo e impastare fino ad ottenere un impasto morbido e compatto. Formare con le mani tanti piccoli cilindri e tagliare gli gnocchi. Riporre gli gnocchi così ottenuti su un vassoio ben infarinato.

A parte preparare il sugo di carne. Affettare sottilmente la cipolla e farla soffriggere con olio e peperoncino a piacere. Aggiungere al soffritto le spuntature, far rosolare bene e sfumare con il vino rosso. Lasciar evaporare e aggiungere la passata di pomodoro. Regolare di sale e far cuocere a fuoco basso per circa due ore, fino a che il sugo non sarà ben ristretto. Lessare gli gnocchi e condire con il sugo preparato e abbondante parmigiano grattugiato.

V.





Nessun commento:

Posta un commento