domenica 30 dicembre 2012

L'albero dei piccoli coniglietti

"C'erano una volta tre piccoli coniglietti, tre coniglietti felici, felici perché avevano tutto quello che gli serviva: una tana calda e accogliente, una mamma e un papà sorridenti e delle carotine sempre fresche nel cesto sul tavolo. Un bel giorno d'inverno, dopo aver bevuto il concentrato di carota d'obbligo per colazione, decisero di andare a fare un giro per il bosco. Erano strane giornate. Il silenzio del bosco da qualche giorno era disturbato dal vociare degli uomini del villaggio vicino, dalle motoseghe con cui tagliavano gli abeti, dal via vai dei camion con cui portavano via gli alberi...
I coniglietti non riuscivano proprio a capire il perché di tutto questo e così, curiosi come solo dei piccoli coniglietti possono esserlo, decisero di andare al villaggio per vedere cosa ne facessero di tutti quegli alberi.
Arrivati non videro nulla di strano...tutto normale e soprattutto non c'era traccia dei loro alberi...che fine avevano fatto?
Incurante del pericolo il più piccolo dei tre decise di avvicinarsi ancor più, attirato da una luce proveniente da una finestra...e sorpresa, sorpresa: ecco un abete! Ma non un abete come quelli del bosco, ma un abete pieno di luci, di palle colorate e di stelle filanti. Chiamati i fratelli rimasero incanti a guardarlo e finalmente capirono!
Tornati nel bosco chiamarono a raccolta tutti gli animali con a capo il gran Gufo Reale e raccontarono quello a cui avevano assistito.
"Abbiamo trovato una soluzione affinché gli uomini la piantino di rubarci tutti gli alberi. Dobbiamo far sì che il grande abete, l'albero più anziano e grande del bosco, si riempia di luci, di colori, di magia affinché gli uomini non abbiano più bisogno di mettersi un piccolo alberello dentro casa, ma possano rivolgere lo sguardo alla montagna per riempirsi di gioia!"
Gli animali furono tutti d'accordo e si misero al lavoro. La volpe andò dai folletti del bosco a prendere la polvere di fragola per colorare le pigne. Il grande orso andò dalla Fata Argentina per farsi dare un po' di polvere d'argento con cui ricoprire i festoni di foglie intrecciati dagli scoiattoli. I piccoli coniglietti andarono dalla Fata delle stelle a cui chiesero la polvere d'oro che fecero gettare sull'albero dai piccoli passerotti...:una meraviglia!
Il grande abete brillava nella notte, rompendo l'oscurità dell'inverno e scaldando di una luce confortevole tutto il villaggio. Gli animali furono molto soddisfatti del proprio lavoro e gli uomini smisero di tagliare i piccoli abeti..."Opera di C. e dei piccoli mostri!


E questo è l'abete...di patate e broccoli.

750g di broccolo 
500g di patate 
3 cucchiai di parmigiano
1 rosso d'uovo
40g di burro
pan grattato
sale q.b.
carote per decorare

Far lessare le cimette di broccolo in acqua bollente per 15 minuti. Lessare le patate senza buccia fino a quando non siano morbide. Passare al passaverdura i broccoli e le patate con lo schiacciapatate. 
Unire i due purè ed aggiungervi il parmigiano, il burro, il tuorlo e il sale.
Con il composto ottenuto formare delle palle che passerete nel pangrattato. Disporle in una pirofila imburrata in modo da ottenere la forma di un albero di Natale e guarnire con delle stelline di carota.
In forno a 180° per 15 minuti.



Non fate i precisini che l'"opera" è stata svolta a 8 mani...


E questo è la prova di un furto di una pallina...






11 commenti:

  1. Bellissimo!!! Complimenti! Io ti farei partecipare oltre che con la ricetta anche all'altro contest, Raccontami una storia, perchè la storia è bellissima! A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti da distratta che sono ho sbagliato a inserire banner...corretto e ci risentiamo tra pochi giorni Auguri cri

      Elimina
    2. Per me la ricetta è comunque perfetta... con questo post puoi partecipare ad entrambi i contest! Ovviamente puoi partecipare con quante ricette vuoi... buon fine anno!

      Elimina
    3. Grazie...ci risentiamo presto...baci

      Elimina
  2. Che capolavoro! Proprio da mangiare! Io adoro le patate. Ti seguo subito. E dirò anche a mia mamma saucysiciliana di seguirti. Lei è metà russa e mangia sempre patate:) Buon Anno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Oggi è tutto di corsa, ma nei prossimi giorni vengo a trovarti...tanti auguri cri

      Elimina
  3. Un piccolo e personale riconoscimento per il vostro curatissimo blog. Lo trovate qui: http://nellacucinadellafra.blogspot.it/2012/12/tartufini-scaldacuore.html
    con tanti auguri per il nuovo anno!
    Un saluto
    LaFra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! Auguri a te...che tante nuove ricette ti riempiano la giornata!!! Un abbraccio cri

      Elimina
  4. loretta12/31/2012

    bellissimo piatto,racconto stupendo,e un grandissimo augurio di un anno meraviglioso

    RispondiElimina
  5. loretta12/31/2012

    un piatto stupendo,un bellissimo racconto,e un caloroso augurio di un 2013 meravigliso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Loretta! In attesa degli ospiti ti mando tanti auguri di una buona fine e un buon inizio...cri

      Elimina