domenica 30 ottobre 2016

Torta rustica alle prugne secche per il The Recipe-tionist


Quanto ho visto che la The Recipe-tionist di questo mese era Maria Pia ho subito pensato: "Farò della carne!"; poi invece, visto il nome del blog, ho deciso di fare la sua torta di mele...ma la stessa idea l'abbiamo avuta in tante. Ormai la voglia di dolce c'era e così sono andata alla ricerca di ricette che mi potessero togliere dalla dispensa ingredienti che stazionavano da un po', tipo i datteri. 
Torta di mele e datteri...e te pareva: mica poteva essere una cosa semplice, bisogna andare in Israele a recuperare la confettura di datteri!
Presa da un moto di ribellione ho scelto una ricetta semplicissima, che a dire la verità mi lasciava anche un po' perplessa. Uno di quei dolci che finisco di mangiare solo io. Invece è perfetta: morbida e saporita. Facilissima. Mapi: grazie!




125 grammi di farina integrale (io di segale)
100 grammi di prugne disidratate
100 grammi di yogurt magro bianco
100 grammi di zucchero di canna  (io muscovado)
100 grammi di olio di girasole  (io extravergine di oliva)
2 uova
5 grammi di bicarbonato
cannella
noce moscata


Preriscaldate il forno a 180 °C in modalità statica e imburrate e infarinate una teglia del diametro di 20 cm.Tagliate le prugne a pezzetti e fate fondere il burro.
In una terrina mescolate la farina, lo zucchero, le spezie e il bicarbonato.
Aggiungete le uova, l'olio, lo yogurt e le prugne.
Versate il composto nella tortiera ed infornate per 35-40 minuti (prova stecchino).
Sformate il dolce su una gratella e fatelo raffreddare prima di servirlo. 

Dopo vi metto anche la fotografia della foto


Con questa ricetta partecipo al The Recipe-tionist di ottobre

2 commenti:

  1. Eh ma se mi dici pure che è facile... che è morbida e saporita... mi sa che sei andata su una ricetta perfetta! ah già vero, del blog di Mapi stiamo parlando ahahahahahh, son tutte perfette! Ma non puoi capire che soddisfazioni mi state dando tutti questo mese con le vostre scelte e soprattutto le vostre partecipazioni! Il Muscovado e l'extravergine non li considero sostituzioni, quindi ocio che rischi la finale ;) baci e buon ponte

    RispondiElimina
  2. Che bello veder tornare a galla delle ricette che avevo ormai dimenticato! Questa era buonissima, ora sì che mi è venuta in mente e naturalmente me la devo rifare per la colazione. Che tra l'altro ho delle albicocche secche che stazionano in dispensa da un po', così rinnovo anche la torta.
    Molto felice la scelta della farina di segale, che con la sua acidità smorza la dolcezza delle prugne. E ovviamente condivido la sostituzione dell'olio: ai tempi scrivevo le ricette pari pari, ma io l'olio di semi di girasole nelle torte non lo uso perché la temperatura del forno supera il loro punto di fumo.
    Grazie Cri!

    RispondiElimina