mercoledì 25 gennaio 2017

1,2,3...1551 Sardinia Macarons

Patti chiari amicizia lunga: i 1551 macarons nati dalle mie mani sono frutto della mia ignoranza e insicurezza. In realtà sono sempre venuti abbastanza bene, ma avevo delle perplessità su quali dovessero essere le dimensioni. Poi la mia macaron coach mi ha inondato di immagini e ho capito che i miei non è che si discostassero tanto dalla realtà. In questa sfida ho dato il massimo, perché fa parte di quelle sfide in cui affronto qualcosa di nuovo. La stessa cosa con i croissant: c'è stato un momento in cui non sapevo più dove metterli. Per fortuna i macaron occupano meno spazio!
Vado avanti da giorni, preparando TPT in ogni momento libero, con i figli che non si capacitano della mia ostinazione, del marito che bofonchia ("Anche oggi i ...zzo di 5 KW sono andati a farsi benedire"), la personal coach che mente spudoratamente pur di farmi pubblicare, la compagna tatuata che prova a mentire, ma non ci riesce.
Eppure Ilaria ti ringrazio perché ho imparato, più o meno, un qualcosa che ti fa fare una porca figura e che, a dirla tutta, mi piace un sacco.
Devo migliorare la colorazione. I primi: un'aranciato triste e poco attraente. Il ripieno: paté d'anatra all'arancia, croccante alle mandorle, gelatina di Cointreau, fava di cioccolato e...non mi ricordo neanche. 
Ribrezzo: salati a me non sono andati giù. Problema mio e di abbinamenti poco indovinati. 
Per fortuna li ho salvati quasi tutti, farciti di ganache al cioccolato e portati ad un pranzo.
I secondi semplicemente bianchi...e sono lì in una scatola a capire che fine faranno.
Li volevo marroni: ma come cavolo si fa ad ottenere il marrone? Ci riprovo e vengono fuori beige...o meglio color cacchetta di Massimino (così è stato decretato). Ieri in un raptus sono venuti fuori grigi: molto eleganti a sentir la coach, per me semplicemente color topo.
Ho giocato con le temperature del forno, novella Vulcano de noantri fino a che ho capito che a me vengono meglio col forno ventilato.
Per il ripieno sono tornata nella mia comfort zone: almeno su una cosa fatemi stare sul sicuro!
E quindi ecco la mia versione "sarda" per questa nuova sfida MTC.


Per la ricetta andate da Ilaria, poi con calma la trascriverò a parole mie: oggi nun gliela fo.



I RIPIENI

Primo:



Crema di ricotta all'arancia:

100 g di ricotta di pecora
1 cucchiaino di miele all'arancio
scorza d'arancia

Lavorate con un mixer ad immersione la ricotta con un cucchiaino di miele all'arancio. Passate al setaccio e aggiungete la scorza di un'arancia grattugiata.

Gelatina all'arancia e zafferano:

succo di un'arancia Tarocco
pistilli di zafferano
1 foglio di gelatina (circa 2 g)

Portate sul fuoco il succo di un'arancia con mezzo cucchiaino di zucchero (non la volevo molto dolce). Quando comincerà a prendere il bollore spegnete e aggiungete i pistilli di zafferano. Unite la gelatina ammollata e stendete in un contenitore basso rivestito da carta forno. Riponete in frigorifero. Prima di utilizzare tagliate con un piccolo coppapasta.

Secondo:



Pistiddu:

 500 ml di sapa (avevo del mosto d'uva preparato in autunno)
1 bicchiere d'acqua
100 g di semola di grano duro rimacinata
scorza di due arance non trattate

Portate a bollore la sapa con l'acqua. Aggiungete la semola e la scorza d'arancia. Continuate a girare fino a quando non avrete ottenuto la consistenza di una marmellata. Fate raffreddare

Croccante all'uvetta e mandorle:

100 g di zucchero semolato
acqua
40 g di mandorle tostate a lamelle
20 g di uvetta precedentemente ammollata e asciugata

Fate sciogliere 100 g di zucchero semolato leggermente inumidito sul fuoco. Quando comincerà a sciogliersi e ad ambrarsi aggiungete le mandorle e l'uvetta.
Rovesciate su un foglio di carta forno oleato. Sovrapponete un altro foglio di carta forno e stendete col matterello. Con un coppapasta della dimensione dei macaron ricavate dei dischetti che lascerete raffreddare completamente.

Foto dei vari passaggi che poi ordinerò:

Macaronage

Pochage

Croutage

Fondo






12 commenti:

  1. Dai, ce l'hai fatta!
    E continuerai a fare porche figure portando ai prossimi pranzi quelli stivati nel freezer!

    RispondiElimina
  2. Cara fratella, lasciami dire: stupendi!!!!! Che sapori da sballo!

    RispondiElimina
  3. Da te, non ci aspettavamo nulla di meno!

    RispondiElimina
  4. Però i color topo non me li hai fatti vedere e se ci fai una ganache rosa dentro e ci petti sopra dei petali di roa...vuoi vedere quanto belli sono??? Oppure buttati su un ripieni al lampone e decori con petali di fiore di melograno...altra figata..... ah ti devo dire anche questa.... e comunque anche io forno ventilato ...sono molto orgoglioNa di te, e non mento.... foto alla mano..ci sono le prove e lo sai!Qua con i ripieni sei andata su profumi e accostamenti che con la tatuata sopra sai che ci riportano a tante risate e che sono effettivamente troppo buoni

    RispondiElimina
  5. Io voglio le prove fotografiche degli altri millemila macaron ancora in casa tua :D
    Comunque i tuoi sapori di Sardegna nei macaron mi piacciono da mo-ri-re!

    RispondiElimina
  6. il sapa mi sa che somiglia molto all'abbamele e io lo amo. Spesso sono finita in sardegna con le mie ricette e non sono mai rimasta delusa.
    Con il tuo post mi hai fatto morire, me lo immagino l'uomo che bofonchia ;-)

    RispondiElimina
  7. Ho seguito le fasi dello sfornage di tutti i 2789 macarons attraverso parole e lacrime di Flavia, e avrei voluto anche vedere i grigio topo farciti di rosa... detto questo, ammiro di te la costanza, perchè avrai di sicuro meno tempo di me e più bambini intorno, ma tu le cose le studi e non le lanci prima di averne appreso tecnica e modalità. I miei sono bellini eh per carità, ma sono frutto di una incommensurabile botta di c... fortuna (credo). In ogni caso con Flavi apensavamo di rifarli a primavera, in gruppo, con sostegno quasi h24 e incitamento reciproco. Ci stai?

    RispondiElimina
  8. Sei il mio mito. L'unica che mi supera in ostinazione.
    Solo che tu quando sei riuscita a tirarli fuori perfetti, e ti è riuscito quasi subito, hai continuato a lavorarci tu, mentre io ho gettato la spugna (sono venuti, bene!).
    Mi dispiace solo non averti potuto dare il colore. A Napoli avevo portato dei colori in polvere bellissimi, tra cui un marrone cioccolato spettacolare. Te lo avrei dato volentieri ma l'ho messo in dono al mercatino! Comunque ce ne ho ancora e so cosa portarti la prossima volta.
    I ripieni, che te lo dico a fare, sono commoventi. E mi struggo di nostalgia proprio in questi giorni che sto programmando Sardegna come se non ci fosse un domani.
    Sei il mio mito!
    Un abbraccio gigante.

    RispondiElimina
  9. Ecco quanto mi è mancato avere là chat di gruppo sulla da eseguire. Mi immagino voi tre con la coach che mentiva (secondo te però ora quelli grigi vorrei proprio vederli) e la tatuata che stava in mezzo.
    Ti dirò la verità a leggerlo sulla carta l'abbinamento salato che volevi proporre a me pare davvero interessante. Ma mi fido ciecamente del tuo giudizio. Per questi da come scrivi sembra che hai buttato lì un vasetto di marmellata e uno di crema...e invece hai fatto delle preparazioni tecniche e complesse dai sapori ottimi. Sei sempre un'ispirazione in cucina e tutto quello che fai, nonostante il tuo parere, è sempre eccezionale.

    RispondiElimina
  10. Se di quei 1551 ne fosse avanzato qualcuno non ti peritale e spediscili a me:mi sembrano splendidi con farce divine!

    RispondiElimina
  11. No vabbé, la gelatina arancia e zafferano è stupenda...ma il croccante????
    Ecco, sopno cappottata ein ammirazione.
    Bravissima, hai fatto un lavoro splendido
    In bocca al lupo per la sfida ;)

    Lou

    RispondiElimina
  12. i coloranti te li porto io, che qui li trovi senza problemi. poi in cambio vorrei un po' della tua perseveranza, della tua capacita' di reagire ai fallimenti, della tua bravura, insomma. E vanno bene anche i macaron color topo o cacchetta di massimino, con queste farce :)

    RispondiElimina