Risotto alla provola e champagne

Oggi che la mia compagna di viaggio è partita ne approfitto per parlare un po' di lei...
L'amicizia tra Vale e Cri vista da Cri.
Il primo incontro risale a 24 anni fa. Ginnasio, primo giorno di scuola: vedo questa ragazza con la faccia simpatica che vaga vicino alla classe: "Sei in questa classe?..Ben arrivata..."e mi presento...ancora oggi lei mi dice che ha pensato: "Ma questa che vuole?" (e questo è un primo indizio per capire la Vale), da quel momento cinque anni di banco insieme...
L'amicizia tra noi resiste soprattutto per la sua tenacia...già da allora la mia sopportazione deve essere stata dura: sono un'invadente, una mezza bestia, molto poco schizzinosa, poco rispettosa degli spazi altrui...e soprattutto molto fisica. Fisica non da abbraccio, ma da buffetto, spintarella, schiaffetto...insomma una mosca tze tze...
Durante il liceo abbiamo vissuto in simbiosi (insieme ad una terza compagna di viaggio, che poi è sparita nel nulla)...un giorno a casa dell'una, il giorno dopo a casa dell'altra...
L'università: le nostre strade iniziano a prendere direzioni diverse, ma lei è sempre lì: lei che chiama, lei che organizza per vedersi, lei che è presente...che so che c'è...
Vite completamente differenti, scelte agli antipodi...ma il bello è che ci siamo l'una per l'altra, senza giudizi, senza remore: lei ha vissuto i miei momenti felici e quelli tristi, senza mai salire in cattedra a dar lezioni di vita....lei che si sente libera di raccontarmi la sua vita, lei che mi fa ridere (tanto), lei che arriva se ho bisogno..
Lei che potrebbe avere molto, ma molto di più dalla vita, ma che spesso ha paura di chi la circonda...sempre un po' sulla difensiva (vedi sopra), ma quando inizia a fidarsi si dà come pochi...
Buon viaggio! C.




Ingredienti:

100g  provola (possibilmente in condizioni migliori della mia)
150cc champagne
2 scalogni
brodo vegetale
250g di riso
sale
pepe
mirtilli rossi
40g di burro + quello per mantecare

La provola mi è stata regalata per Natale, ma finita in fondo al frigorifero è stata riesumata troppo tardi...queste le sue condizioni:


L'ho pulita, ho tagliato la calotta e l'ho scavata.
Nel frattempo ho tritato gli scalogni, li ho messi in tegame con 40g di burro e dopo 3-4 minuti ho aggiunto il riso. Ho lasciato tostare per qualche minuto e poi ho sfumato con l'avanzo di champagne.


A questo punto ho proseguito la cottura aggiungendo poco alla volta il brodo caldo. Quando il riso è arrivato a cottura ho tolto dal fuoco e mantecato con una noce di burro.
Aggiungere una manciata di mirtilli rossi essiccati e servire il risotto all'interno della provola svuotata.



Con questa ricetta spero di partecipare al contest di http://www.lennesimoblogdicucina.com/2013/01/cre-azioni-in-cucina-gennaio.html











Commenti

  1. Complimenti..le tue ricette sembrano buonissime..si mangiano con gli occhi!!! torna presto a trovarmi e fammi sapere che ne pensi..grazie della visita..Noemi

    RispondiElimina
  2. Che bello sentirti raccontare della vostra amicizia. Si sente che è speciale.. proprio come questa ricetta: originale, gustosa, presentata splendidamente! Complimenti e un abbraccio stretto! <3

    RispondiElimina
  3. belle parole nei confronti della tua amica!! penso che le amicizie nate sui banchi di scuola siano mitiche, anch'io ho un'amica con la quale sono partita dalle elementari! medie e poi superiori, diverse eppure così unite!ancora oggi che viviamo lontane, quando ci sentiamo siamo sempre su quei banchi...ops...mi scende la lacrimuccia..
    fantastico il tuo risotto servito nella scamorza, troppo bello, come l'uovo nell'uovo del resto e tanto altro che ho visto su questo blog!! peccato ti/vi siete accorte tardi della mia raccolta, chissà cosa avreste tirato fuori dal cilindro!! però puoi continuare a produrre, lo sai, io aggiungo sempre :-))

    RispondiElimina
  4. Sicuramente una bella amicizia...
    Anche il risotto non devessere niente male!
    A presto Susy

    RispondiElimina
  5. Ma che bello leggere di voi due! Ne approfitto per dirti che DOBBIAMO rivederci (quando la girovaga tornerà con il portafoglio vuoto da Londra!).
    Che bello il risotto servito direttamente nella provola! Troppo coreografico1
    Baci e buona domenica

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari