Lingua con Gelatina di Dolcetto


Come ho scritto nel post precedente, in questi giorni ho avuto un po' di difficoltà ad accedere al computer e ho sofferto un po'....Non una sofferenza esagerata, ma non credevo mai che questo blog mi potesse "prendere" tanto. Non sono un amante della tecnologia in generale, non amo particolarmente neanche la tv...ho sempre pensato che fosse meglio guardare il mondo dal vivo e ora, se non riesco a postare, a dare uno sguardo ai blog amici è come se mi sentissi un tantino persa...
Non credo che sia un colmare un vuoto: sono sveglia dalle 6 ed ho svolto tutti i ruoli che mi competono...donna lavoratrice, casalinga, madre e moglie....ora sono in pausa in attesa che arrivi Vale a cena (è giovedì....)...mi trovate una risposta voi?
Ci sono persone che se non "sento" per un po' di giorni quasi mi mancano...eppure non l'ho mai viste in faccia...resto un po' sconcertata anche perché ho sempre pensato che al di là dello schermo si possa impersonare qualsiasi ruolo, cambiare identità....ed invece mi fido di chi è dall'altra parte...strano meccanismo: c'è da indagare!!
Ma passiamo alle cose serie: avevo promesso una pausa da frattaglie e affini...ma avevo scordato questa lingua e visto che il contest di Arricciaspiccia è in scadenza vi tocca....buona serata C.





Cosa serve per una porzione:

120g lingua lessata e spellata
2 patate piccole
prezzemolo
sale
olio
2 cucchiaini di Gelatina di Dolcetto della Mariangela Prunotto

La preparazione della lingua la puoi trovare qui.
Lessare le patate senza buccia (non amo il sapore della terra), schiacciarle con la forchetta e condirle con olio, sale e prezzemolo tritato. Mettere le patate in forma e lasciarle in forno in modo tale che non si freddino.
Tagliare la lingua a listarelle e condirla con la gelatina precedentemente scaldata in un padellino.
Togliere le patate dal forno, metterle in un piatto e sopra disporre la lingua.




Ho servito con dei lampascioni fritti (si aprono come dei fiori...)






Con questa ricetta partecipo al contest Arricciaspiccia

Commenti

  1. Ciao Cri :) Ti capisco perfettamente, anche per me e così e anche io non sono una grande amante della tecnologia, computer e tv... però se manco un giorno dal blog e dai blog amici mi sento persa... mi sono affezionata a tanti di voi e lo "strano" meccanismo io lo interpreto così: chi scrive mette a nudo la propria anima e l'affinità, se c'è, si sente subito... siamo nel virtuale ma, poi, tanto virtuale non è... Complimenti per la ricetta, non mangio la lingua ma è un piattino con i fiocchi :) Ti aspetto al mio primo Giveaway, siete invitate tu e Valeria! :) Un abbraccio :**

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...grazie, vado subito a dare un'occhiata al giveaway! Notte

      Elimina
  2. Ahah! Stasera la lingua.. mamma mia, come al solito non so se ce la farei, però l'hai cucinata veramente bene! E' accattivante! :D Concordo pienamente con Vale, per il resto: si sente subito l'anima, l'affinità, il legame sincero con qualcuno... e poi manca se non lo si può vivere nella quotidianità! Ti abbraccio Cri! Fortissimo! Passa una notte meravigliosa! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...pensa che nel post volevo proprio citare te...andando in visita in altri blog trovo spesso i tuoi commenti che non sono mai buttati lì per caso, ma sono sempre "pensati"...una notte bella a te! cri

      Elimina
  3. O mamma.. Ancora non riesco ad immaginarmi il sapore anche se so che è' buona.
    Cara, concordo in pieno. Questa ns comunità e' stupenda e qui si respira un'aria stimolante x questo ci teniamo assai. E poi, vuoi mettere i punti in comuni che ci uniscono , ved. Mio post di ieri ;) noi che...
    Un bacione grande Cri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...in effetti credo proprio che sia una comunione di intenti e di spiriti!! cri

      Elimina
  4. Io ho la tv che trasmette solo cartoni animati, sarà un difetto di fabbricazione? E allora anche io mi rifugio qua dalle mie amiche... stranissimo, non conoscersi e definirsi amici... Ma è meraviglioso!!! Un bascio!!

    RispondiElimina
  5. ahi! hai preso il virus....il blog ti entra dentro piano piano, diventa qualcosa di irrinunciabile, eppure non vorresti farti possedere così, è un meccanismo perverso....sì, materia di studio per psicologi e sociologi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...qualcuno di più giovane prima o poi ci farà una tesi!

      Elimina
  6. amica mia cara..quanto ti capisco..anche io mai avrei pensato di diventare blogdipendente..o meglio blogghinedipendente..io che non ho neanche facebook!ahahaha..come sempre super piatto.patate e lingua sono un connubio perfetto.ti stringo forte:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un abbraccio a te giudichessa-compagna!! cri

      Elimina
  7. Oh Cri come ti capisco!!!! che ricetta speciale anche oggi! rinnovo i complimenti! :-)

    RispondiElimina
  8. Ragazze! Avete usato due ingredienti che non conosco affatto e ne sono felicissima! Non ho mai mangiato la lingua (un po' perché mi ha sempre fatto senso e un po' perché non ho mai avuto occasione) e neppure i lampascioni (non saprei neppure dove trovarli!).
    Questa ricetta però mi intriga un sacco! Bravissime!
    Grazie mille!!!
    Ema

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari