Budino salato alla borragine con fonduta di gorgonzola e mascarpone e biscotti salati alla ricotta

La borragine: questa sconosciuta! 
In realtà per me no e, a dirla tutta, è una delle verdure (o piante commestibili) che preferisco: ha un sapore delicato, ma ben caratteristico. Peccato che sia difficile da trovare...almeno sui banchi dei fruttivendoli, forse si hanno più chance ad andar per campi! 
Pianta di origini orientali, si è poi diffusa in tutta Europa e in America. 
Mi diverte l'etimologia del nome: probabilmente deriva "dal latino borra (tessuto di lana ruvida), per la peluria che ricopre le foglie" (Wikipedia docet!).
Ho pensato di utilizzarla per il contest di Ti cucino così con Andrea Ribaldone...come sempre sul filo di lana: ma diciamo che ormai è una mia caratteristica! Notte Cri



Per i budini di borragine (variante della ricetta di Acquolina):

500 g di borragine
100 ml di panna liquida
2 uova
30 g di parmigiano 
sale

Lavare la borragine in acqua. Lessarla in acqua bollente, scolare e lasciarla intiepidire. 
Accendere il forno a 180 °C. Frullare la borragine con la panna, le uova, il parmigiano ed aggiustare di sale. Versare il composto in stampini imburrati e cuocere a bagnomaria (in una teglia posizionare gli stampi e versare acqua fino ad arrivare ad 1/3 degli stessi) per circa 30 minuti. 
Una volta freddi capovolgere.



Per i biscotti salati alla ricotta:

200 g di farina
70 g di burro
75 g di ricotta
35 g di parmigiano grattugiato
1 tuorlo

Disporre la farina a fontana insieme al parmigiano grattugiato. Al centro mettere il tuorlo, la ricotta, il burro morbido a tocchetti ed un pizzico di sale. Lavorare velocemente la pasta fino ad ottenere un impasto omogeneo. Lasciare riposare in frigorifero avvolto in pellicola per circa 30 minuti.
Riprendere l'impasto, stenderlo con il matterello su un piano infarinato e realizzare dei biscotti tondi (misurare il diametro della base degli stampini dei budini e cercare una dimensione adatta). 
Cuocere fino a doratura in forno a 180 °C.

Per la fonduta di gorgonzola e mascarpone:

50 g di gorgonzola dolce
70 g di mascarpone

Sciogliere a bagnomaria il gorgonzola insieme al mascarpone.

Assemblare i budini capovolgendoli sul biscotto alla ricotta e servendoli accompagnati con la salsa calda.


Con questa ricetta partecipo al contest di Ti cucino così

Commenti

  1. Sono bellissimi, l'idea, i colori e i sapori:-) brava, lo sai che io trovai un olio alla borragine per capelli che era fantastica, poi la casa chiuse e non l'hanno piu fatta. Da allora quando sento il nome borragine ci ripenso...va bhe...per dirti:-)

    RispondiElimina
  2. Grazie Monique! Infatti dai giri che mi sono fatta per il web ho visto che viene usata in erboristeria e nella cosmesi...Dalla cucina ai capelli: mi piace il collegamento...anche perché in questo periodo i miei, di capelli, sono parecchio in crisi! Un bacio cri

    RispondiElimina
  3. Colori, accostamenti, sapori e preparazione a cui darei una bella lode, amica mia. <3 Trovo che la borragine sia meravigliosa, almeno quanto te che hai avuto quest'idea geniale! Complimenti, di vero cuore... p.s non parliamo di capelli. Ungaretti avrebbe dovuto scrivere 'si sta come d'autunno sul capo dell'Ely...', altro che foglie... TVTB spero di tornare presto cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ben tornata! Quando ti vedo apparire mi tranquillizzo...spero che le tue visite siano sempre più frequenti! Ti mando un abbraccio grande cri

      Elimina
  4. Mamma mia, Cri! E' meraviglioso, un piatto degno di una cena importante. Da proporre per le feste, per esempio. E' troppo troppo bello, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...la cosa bella è che sono stati divorati dai bambini e il più grande mi ha detto: "Hai trovato un modo per farci mangiare le verdure!" Un bacio cri

      Elimina
  5. ma che belli, con quel verdolino speranza!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto speranza! Grazie un bacio cri

      Elimina
  6. Bravissima, sono molto invitanti!

    RispondiElimina
  7. Grandiosa! Interessante l'etimologia del nome. Conosco la borraggine, la trovo sia nei campi che al mercato. Qui si usa negli sformati e nel ripieno di ravioli e anche la mia amica chef Deborah ha accompagnato dei pesci col budino di borraggine che mi ripromettevo di copiarle, ora che vedo anche i tuoi, devo assolutamente copiare!!! Bellissima versione, brava brava brava :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, grazie, grazie...buona l'idea di accompagnarli al pesce...un bacio cri

      Elimina
  8. Cri sei fantastica come sempre.... i biscotti salati me li prendo subito subito!! Un bascione!

    RispondiElimina
  9. bellissimi e io che da mezza ligure non posso che apprezzare l' uso della borragine.ottima la crema sopra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che in Liguria va alla grande! Anche da noi nei ravioli con la ricotta...un bacio cri

      Elimina
  10. Wow! Che meraviglia! Noi da bravi genovesi la usiamo spesso la borragine ma questi budini sono davvero stuzzicanti!
    Daniele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti anche da noi ci sono i ravioli di borragine e ricotta...ma sempre più rari. Grazie un bacio cri

      Elimina
  11. Grande Cristiana! sono uno spettacolo e la borragine è una pianta assolutamente da rivalutare. Qui l'hai esaltata alla grande, con la fonduta di gorgonzola e i biscotti salati di ricotta. Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Peccato che si trovi poco...dovrei allenare di più l'occhio e cercarla per campi! Un abbraccio cri

      Elimina
  12. che meraviglia Valeria! come trasformare la borragine in capolavoro culinario e artistico.
    appuntato tutto! ora vado curiosare come l'aveva fatto Acquolina! un abbraccio a te

    RispondiElimina
  13. che meraviglia! e quella fonduta, mmmmm, buonissima! incredibile quante varianti siano uscite da quei budini, e i tuoi sono molto interessanti, grazie!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te...super apprezzata anche dai piccoli, che non è poco!!!

      Elimina
  14. Oddio! Non sono molto golosa nè molto propensa a cucinare, ma questo piatto mette davvero l'acquolina in bocca!

    Love, Serena - TheChicWay (NUOVA RUBRICA!)
    http://thechicway.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....beh: allora ho ottenuto un buon risultato! Un abbraccio cri

      Elimina
  15. Ho la borragine nell'orto, ma ancora un po' piccola (solo una pianta con i fiori, che uso molto), aspetto che crescano le altre piantine e poi provo. Ma dimmi, usi tutte le foglie e i gambi, anche quelli più 'spinosi'? Qui in Nuova Zelanda non si usa, e non cresce spontanea, per fortuna ho trovato i semi :-)

    Ciao
    Alessandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Ben trovata. Si uso tutto, ovviamente spunto i gambi più duri, ma riguardo alle spine da cotte non danno fastidio...buona sperimentazione! cri

      Elimina
  16. Come sono delicati questi budinetti!Meravigliosi.

    RispondiElimina
  17. Mai provata anche se ne abbiamo tanta in campagna...forse è il caso che mi decida di coglierla e cucinarla!! Iniziando proprio da questi deliziosi budini salati...
    Baci
    Silvia

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari