mercoledì 2 dicembre 2015

I ceciaroli per L'Italia nel piatto

L'uscita de L'Italia nel piatto di dicembre ci riporta a scoprire le ricette natalizie.
Dovendo rappresentare il Lazio mi trovo ogni volta in difficoltà: la mia attenzione va sempre a finire sulla cucina romana.
Questa volta ho deciso di spostare lo sguardo verso il viterbese,la zona che mi è più vicina.
I ceciaroli sono un dolce tipico della zona.
Vengono consumati la notte della Vigilia, in quanto piatto di magro.
La fantasia e l'abilità col tempo sono riuscite a trasformare un legume di per sé povero in un dolce ricco: ceci, cacao, miele, cannella mescolati assieme e poi fritti.
Ho trovato la ricetta in un libro di appunti di una nonna di Vignanello, paese d'origine di questi dolcetti.


Ingredienti per la pasta (da Le ricette di nonna Angelina):

1 tazza di vino bianco
1/2 bicchiere di olio extra vergine di oliva
1/2 bicchiere di zucchero
1 punta di bicarbonato
farina quanto basta

per l'impasto:

800 g di ceci secchi
400 g di miele
300 g di zucchero
75 g di cacao in polvere
cannella
 1 bicchierino di acqua vite o rum che ho omesso



Tenete i ceci in ammollo una notte. Il giorno dopo lessateli, poi passateli al mixer con gli altri ingredienti fino ad ottenere una crema. Lasciate riposare l'impasto in frigorifero per un giorno.
Il giorno dopo preparate la pasta unendo tutti gli ingredienti. Stendetela sottile e tagliatela a strisce larghe circa 15 cm. Depositatevi sopra, a distanza di 10 cm l'una dall'altra, una cucchiaiata di composto. Richiudete i ravioli su se stessi e sigillate bene i bordi con l'aiuto delle dita.
A questo punto potete scegliere se friggerli in olio bollente o cuocerli al forno.
Spolverizzate con zucchero a velo prima di servire.


P.S. Non vi ricordano gli involtini alla soia dei ristoranti cinesi? Cosa strana la cucina!!


Andiamo a scoprire le altre regioni:

Piemonte - Il torrone alle nocciole http://j.mp/torrone-nocciole





Toscana - Cavallucci e berriquocoli di Siena



Abruzzo Celli Pieni dolci tipici della tradizione abruzzese   http://ilmondodibetty.it/celli-pieni-ab…lia-nel-piatto/ 


Campania  Scialatielli bucati con i purptiell affugat

Basilicata Crispi lucani


Puglia: Sannacchiùdere


7 commenti:

  1. Sono dei dolcetti molto simili a quelli che si preparano anche da noi in Basilicata. Sembrano ottimi. Il ripieno di ceci lo adoro.

    RispondiElimina
  2. Io non avevo mai trovato una ricetta dolce che utilizzasse i ceci e devo dire che voi siete ogni volta una scoperta. Piatto bellissimo e moltoooo interessante. Bravissimaaa. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  3. qui da noi si preparano a carnevale, ma invece dei ceci si usano le castagne secche, sono squisiti...naturalmente fritti! complimenti!

    RispondiElimina
  4. Ma sai che li ho visti qualche tempo fa in tv ... che fosse in una puntata di Rubio? Ricordo due vecchini che friggevano questi tortelli ripieni di ceci (in versione dolce) sul fuoco diretto del camino.. una roba da pazzi! Altro che termometri e friggitrici!
    Tra l'altro a me l'idea dei legumi in versione dolce sfagiola assai.. fritti, poi! :)

    RispondiElimina
  5. Meravigliosi da noi si chiamano "calcionetti"

    RispondiElimina
  6. adoro i ceci, mai messi però in un dolce, ah le nonne, quante belle ricette avevano.
    Un bacione e buone feste
    Miria

    RispondiElimina
  7. Ciao :) Da buona corchianese ne ho mangiati anche io un sacco!! Ho cercato la ricetta a lungo... e finalmente eccola qua! Ricordo che non era mia nonna a farli, bensì una zia di Vignanello alla quale non ho mai chiesto la ricetta! Grazie mille per questa ricetta che mi fa tornare bambina <3

    RispondiElimina