venerdì 30 maggio 2014

Crocchette di riso alla provatura

Per il contest l'Italia nel piatto sono tornata al diario della trisnonna, scegliendo una ricetta tipica della mia regione: le crocchette di riso alla provatura.
Di che si tratta?
La provatura è un formaggio a pasta filante tipico del Lazio e della Campania; vi dico cos'è, ma in realtà non l'ho mai mangiato, almeno coscientemente!
Potrei imbrogliare e dirvi che sono veramente a base di provatura, ma pare sia un formaggio in via d'estinzione: ho provato a cercarlo, ma immancabilmente mi è stato risposto: "Vorrà dire la provola!"
No, non voglio dire la provola...alla fine l'ho sostituito con quello che in un qualche modo lo ricorda di più: un semplice fiordilatte.
Cri


Triturate bene tre o quattro provature fresche (in mancanza di provatura si adopera altro formaggio fresco), spremetele leggermente in un pannolino e mettetele in una terrinetta, aggiungete ad esso due uova, quattro cucchiai di formaggio grattato, un po' di sale e pepe, un po' di prezzemolo trito e mischiate bene per formare una pasta compatta, alla quale in ultimo unirete un po' di prosciutto trito, senza grasso.
Fate cuocare 250 g di riso con acqua, sale, pepe, un po' di burro, un pochino di noce moscata e quando è cotto (badare che non sia liquido) conditelo con parmigiano, mischietelo bene perché divienga compatto, poi fatelo freddare. Con questo riso farete dei cosiddetti supplis, prendendone una cucchiaiata e, con un dito bagnato nell'uovo sbattuto, fare nel centro di esso un vuoto regolare nel quale porrete una pallottolina di provatura proporzionata in modo da potersi rinchiudere nell'involucro di riso. Bisogna che questa operazione sia fatta con garbo, se no , friggendo, la provatura scappa fuori. Quando tutte le crocchette saranno fatte, lasciatele rassodare un po', poi infornatele leggermente, immergetele una ad una nell'uovo sbattuto, impanatele (nel pangrattato gluetn free) e friggetele nell'olio. Se occorrono per un desinare di magro, si sopprime il prosciutto.


Con questa ricetta partecipo al contest l'Italia nel piatto...


...e visto che è venerdì al Gluten Free Friday

7 commenti:

  1. Non sapevo la provatura fosse tipica anche della Campania (quante cose imparo ogni volta che giro nei blog). Proverò a cercarla qui. Ricordo che anni fa provai le uova alla provatura, ma come te, non avendola (anche perché ero in Calabria), la sostituii con del fior di latte. Mi segno queste crocchette che devono essere buonissimi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...se la trovi fammi sapere. un bacio cri

      Elimina
  2. deliziosissime, veramente da gustare

    RispondiElimina
  3. Le3 crochette sempre mangiate mai fatte questo è il momento. Buon we.

    RispondiElimina
  4. Cioè, praticamente delle arancine! ;)

    RispondiElimina