lunedì 15 giugno 2015

Hamburger di gamberi con finta maionese al lime e menta, salsa alle arachidi e platano fritto

Mazzetta mia quanto ti penso i questi giorni, ma quantoooo! Ogni volta che l'impresa d'infilarsi i jeans si fa più ardua il pensiero va a te!! Perché come dice la tua mamma: "Tu non sei grassa per aver partorito tre figli, giusto i fianchi sono un po' abbondanti"...giusto: tutto il resto si sta adeguando al fianco!
Mi piace un sacco questa sfida, non tanto per la sfida in se anche se è super, quanto per il fatto che ti ho conosciuto. Un conto relazionarsi virtualmente, un altro de visu. La cosa che mi ha colpito di più è proprio la differenza tra virtuale e reale. Nel web sei piena di spirito e dalla battuta pronta, nel reale sei più riservata...forse perché  le due volte che ci siamo viste l'abbiamo fatto con la tua mamma che è una miccia in fermento, un peperino pieno di humor, col sorriso sulle labbra e la parlantina veloce. 
Avrei anche dovuto chiamarla per andare a fare acquisti magerecci insieme, ma è un periodo infame e se la chiamo ora pare leccatio allo stato puro: meglio evitare!
Questa versione di burger è la prima che mi è venuta in mente, l'altra (quella che ho "partorito"in macchina) seguirà nei prossimi giorni. Ho cercato di creare un hamburger oriental style mettendoci tutto quello che di orientale amo, è venuta fuori una bomba (me lo dico da sola)! Ci siamo ritrovati mio marito ed io al tavolo della cucina, cercando di non farci sgamare dai figli, a fare un aperitivo "frugale" precena!

Per i buns al lime (ricetta di Arianna):

250 g di farina (00 e Manitoba al 50%)
130 g di latte 
20 g di burro 
10 g di zucchero
5 g di strutto (fatto in casa Mazzetta: e come te sbagli!)
5 g di sale
4 g di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di miele
scorza di lime gratugiata
1 uovo e poco latte per spennellare

Intiepidite il latte, scioglietevi il lievito con il miele e lasciate riposare per una decina di minuti. 
In una boule di vetro capiente setacciate la farina, formate una fontana, versate il latte poco per volta e lasciatelo assorbire mescolando con un cucchiaio di legno. Aggiungete lo strutto ed il burro a temperatura ambiente, il sale, lo zucchero e la scorza di lime. 
Impastate fino ad ottenere un composto liscio ed omogeno.
Coprite con della pellicola e un panno e lasciate lievitare fino al raddoppio (1-2 ore). Prendete l'impasto,sgonfiatelo leggermente cercando di formare un rettangolo che poi piegherete (più o meno come un asciugamano): dividetelo idealmente in tre parti, sovrapponete la parte di destra al centro ed idem con la sinistra (al centro, sopra la destra). Ora rigirate di 90° e fate lo stesso.
Fate riposare così l'impasto, con la chiave (la parte della piega) rivolta verso il basso e coperto da un panno per una mezz'oretta. Formate poi i buns Poggiateli su una teglia coperta da carta da forno e con il palmo della mano schiacciarli leggermente.
Fate riposare coperti da pellicola per una mezz'oretta.
Riscaldate il forno a 180°.
Sbattete l'uovo con il latte e spennellatevi i buns. Fate cuocere per circa 20 minuti.


Per l'hamburger di gamberi (per due persone):

600 g di gamberoni
succo di un lime
1 cm radice di zenzero grattugiata
pepe rosa 6/7 grani
olio extra vergine di oliva un filo
1 cucchiaino di zucchero di canna
1 cucchiaio di brandy
sale 

Private i gamberi del carapace e dell'intestino. Tagliateli in pezzi e lasciateli marinare con tutti gli altri ingredienti per circa 30 minuti.
Eliminate i grani di pepe e batteteli al coltello, con l'aiuto delle mani date la forma di una polpetta alla tartare così ottenuta.
Fate scaldare una piastra leggermente unta e adagiatevi una polpetta, lasciate che la reazione di Maillard faccia il suo corso e, con l'aiuto di una paletta, girate dall'altro lato. Fate cuocere, abbassate la fiamma al minimo e proseguite la cottura per due minuti (ovviamente al momento di servire...).


Per la finta maionese al lime e menta:

100 ml di latte intero
200 ml di olio di semi di girasole circa
scorza di due lime grattugiati
foglie di menta tritate
sale

In una ciotola unite al latte la scorza di lime e la menta, con l'aiuto di un frullatore iniziate a sbattere aggiungendo l'olio poco alla volta fino a quando non si sarà ottenuta la consistenza di una maionese. 
Aggiustate di sale.

Salsa alle arachidi

60 g di burro d'arachidi
1 cucchiaio di aceto di riso
2 cucchiai di succo di lime
3 cucchiai di olio extra vergine d'oliva
1 cucchiaio di soia
2 cucchiaini di miele
1 spicchio d'aglio
zenzero grattugiato
coriandolo
sale

Tritate il coriandolo. In un mixer frullate tutti gli altri ingredienti e alla fine aggiungete il coriandolo.


Insalata di cavolo cinese, coriandolo, zenzero e peperoncino

4/5 foglie di cavolo cinese
1/2 peperoncino
1 cm di radice di zenzero
coriandolo
1/4 lemon grass tagliato a rondelle
sale
olio extra vergine di oliva

Tagliate il cavolo, dopo averlo lavato, a listarelle. Aggiungete il peperoncino, lo zenzero grattugiato. il coriandolo sminuzzato. Condite con olio e sale.

Platano fritto

1 platano
olio d'arachidi per friggere
sale

Tagliate il platano, dopo averlo sbucciato, a fettine. Figgetelo in abbondante olio a temperatura (170°) fino a doratura. Salate prima di servire.

Assemblaggio:

Tagliate il panino, un velo di maionese, insalata, polpetta di gamberi, salsa di arachidi e platano fritto. 

Con questa sfida partecipo all'MTC N.49




36 commenti:

  1. Non ti dico niente guarda!
    scambio il mio hamburger col tuo, lo voglio stasera per cena visto che ho il "pollo alla piastra del lunedì contro i sensi di colpa" :D
    e anche la finta maionese che figata che è!!!

    Ma aspetta un attimo....te sei magnata mezzo hamburger per aperitivo??? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul mezzo hamburger : Yes! Sai com'è a me la dieta del lunedì dura solo fino alle 14...più o meno!

      Elimina
  2. Mi piace T-U-T-T-O! Ogni singolo elemento di questo piatto!

    RispondiElimina
  3. Questo hamburger oriental-style mi piace tantissimo e quella finta maionese mi tenta, mai provato a montare il latte per ottenere una salsa simile, ma quante ne sai? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà ho imparato che per montare è necessario vi sia una componente proteica ed una grassa. L'utilità vera è il poter ottenere una maionese vegana utilizzando il latte di soia.

      Elimina
  4. mi sa che les chats blancs hanno lasciato il segno!!! senza parole....anzi solo una CHAPEAU!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le chat! !! 😀 ora riferisco allo chef! Grazie!!!

      Elimina
  5. Col petto di pollo pure io come la Bertuzzi, ma con contorno i pomodori...visto che la rucola l'ho mangiata a pranzo...ora ma dimmi tu..... meno male che non viviamo vicino..... e tu grassa?! non vabbeh..a sentire ste bestemmie non c'è più religione guarda!!!................ lo strutto solo quello fatto in casa quello serio....ti quoto a vita!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, se mi propinassero petto di pollo probabilmente diventare vegetariana : è l'unico pezzo di carne che odio...soprattutto in versione Light!

      Elimina
  6. Gnam, i gamberi con il lime li conosco bene e li adoro.. Ma la salsa di arachidi e il platano?!? Ho gli occhi a cuore!!!
    Magnifico burger!

    RispondiElimina
  7. Io me lo immagino quell'aperitivo frugale, guarda.. cioè, mi pare proprio di vederlo (e di invidiarlo).
    Qui risotto leggero agli asparagi e ultimi resti di carpione.. ma a veder questo quasi quasi mi imbarco a pescar gamberi,tipo subito.
    Un burger geniale in ogni suo aspetto.. ma io ti amo per il platano fritto, provato lo scorso anno da un'amica appassionata di Brasile e adorato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il platano è una figata! Entrata nel trip del bbq ho on mente altre cose da farci

      Elimina
  8. L hamburger di gamberi dev'essere strepitoso!
    Come tutto il resto, d'altronde!
    Ottimo!!!

    RispondiElimina
  9. Frugale. Devo riposizionare il metro delle parole perchè sta accadendo la stessa cosa a me, non solo nelle definizioni quando nelle simmetrie tra fianchi e resto del corpo.
    Ti dico solo che questo è il mio burger del cuore, per i sapore degli ingredienti che hai scelto, perchè immaginare la dolcezza di quei gamberi piastrati mi annichilisce il comprendonio, e perchè l'insieme è talmente armonico da essere, a mio avviso, assolutamente perfetto.
    Ovviamente mi resta una domanda: se l'aperitivo è questo, cosa prevede il resto?
    Sei davvero una grande. Un fortissimo abbraccio. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh ormai dovresti un minimo conoscermi e sapere che limiti, dal punto di vista gastronomico e di stomaco, ben pochi!!! Grazie! Secondo me c'è una fazione di donne amanti del panino...forse perché sarebbe il sogno di tutte noi: senza tovaglia, senza piatti, senza posate. ..sai quanto lavoro in meno?

      Elimina
  10. Aspettta. Prima di passare alla ricetta ti devo confessare che sono scoppiata a ridere all'idea di te e tuo marito che vi scofanate l'aperitivo frugale nascondendovi dalla prole.
    Secondo proprio l'altro giorno ho detto a mia mamma di chiamarti perché pare abbia scoperto un nuovo posticino dove vendono degli ottimi formaggi... se non si dimentica (è un periodaccio anche per lei!) ti chiamerà sicuramente. E tranquilla... sono un filino più riservata nella realtà in presenza della Mangusta - mia mamma ndr - ma tu non sai le volte che mi ha messo in imbarazzo...lei è troppo avanti...ma sul serio!!!! Comunque ci vuole ben altro per la leccatio.... :D
    Ora, la prossima volta che torno a Roma voglio il tuo strutto, sallo! Quindi inizia a produrlo anche per la sottoscritta.

    Per il resto chiedo un minuto di silenzio. Perché io non so se ti sei resa conto della bontà che hai creato. A partire dalla polpetta di gamberi...alla finta maionese...a quella salsa alle arachidi fino al platano fritto. E qui son svenuta. Di piacere ma pur sempre svenuta.
    Perché a pensare separatamente a questi ingredienti forse non avrei mai pensato a unirli per un panino.
    Poi arrivi te e mi presenti questo.
    Ed io cerco di immaginarmi il morso, le emozioni che può evocarmi. Le immagino e ci riesco perché conosco il sapore dei singoli ingredienti...e risvengo un altra volta...e vorrei provarle sul serio. Voglio assaggiarlo, voglio provarlo... (per carità non leggere doppi sensi!! :P )
    ommidio
    ommiodiooo
    ommiodioooooo
    Mi devo riprendere. Che se i vicini sentono questi miei gridolini di piacere pensano che ho l'amante dato che il marito è fuori per lavoro.

    Ecco, sì, so cosa stai pensando. Se eravamo al bar-pasticceria non mi sarei abbandonata così davanti la Mangusta. O forse sì... stile Harry ti presento Sally... :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 😀😀 non commento al tuo commento perché mi hai reso felice e questo mi basta!

      Elimina
  11. Frugale ? Ahahaha...sei una grande ! Alla faccia dei pantaloni che non entrano ed alla faccia dei figli !! Ahahah. Così si fa ! Un hamburger di alta classe. Complimenti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si...chissene! Pare sia diventato il mio motto!

      Elimina
  12. In casa mia sarebbe finita a forchettate tra me ed Arc che adora i gamberi.
    Mi piace tutto della tua proposta: il pane, la *polpetta*, la salsa. Unica cosa che non ho mai assaggiato è il platano ma, proposto da te, non mi tirerei certo indietro.
    Le foto poi: S T R E P I T O S E !
    Che dire? Sento odore di vittoria.....
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ma ho già dato è una volta basta e avanza!!!😀 un bacio cri

      Elimina
  13. Giuro che al punto di te, tuo e di tavolo, avevo pensato ad altro, in puro Arianna style :-D
    Ma credo che l'esperienza sia stata proprio come l'ha descritta Arianna nel suo commento :-D
    Insomma, un panino godurioso.

    Fabio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah no purtroppo sono passati i tempi! Ibtre mostri non mollano!

      Elimina
    2. Ah no purtroppo sono passati i tempi! Ibtre mostri non mollano!

      Elimina
  14. Ma che favola é il tuo hamburger???!!! Una fi..ata!! :-)
    Un abbraccio
    Vera

    RispondiElimina
  15. Approvo in pieno questo hamburger, perchè lo potrei mangiare pure io ed avrei voluto proprio farne uno ai gamberi, ma dopo la prima versione sono stramazzettata! Complimenti! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Anch'io avevo quasi pronta la seconda versione, ma ho mollato...saranno panini, ma richiedono un certo impegno!

      Elimina
  16. E' sempre bello superare i confini di una tastiera e di uno schermo bianco e conoscere di persona chi sta al di là :) Quando ne leggerai le parole ti sembra quasi di sentirtele raccontare dalla sua voce. E spesso si creano legami davvero speciali e belli, di quelli che difficilmente si riescono a sciogliere. Si entra a far parte della vita di qualcuno come se si fosse amiche da lunga data. E questa è una cosa che mi piace moltissimo. Come mi piace moltissimo la tua proposta. Sai, a Masci abbiamo parlato della tua proposta per lo scorso MTC, durante una lezione in cui abbiamo usato come condimento il triplo burro (una cosa leggerina :). Gli parlerò anche di questo burger :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me Masci con il burro mi ha dato la mazzata finale: ho preso quegli ulteriori chili che non se ne vanno più! ...non dico più nulla sulla possibilità di incontrarci : sono una sola ambulante!

      Elimina
  17. WOW e RIWOW e STRAWOW!!!
    Non riesco a trovare altri aggettivi per definire questo tuo panino, perfetto, assolutamente perfetto in ogni suo componente. Uno dei miei perferiti (per non dire il mio preferito). Eccelsa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Mari: non sai che piacere sentirselo dire!

      Elimina
    2. Grazie mille Mari: non sai che piacere sentirselo dire!

      Elimina