martedì 16 dicembre 2014

Dolci Regali, perchè non c'è due senza tre


...non c'è due senza tre, ma non c'è tre senza quattro e quattro senza cinque...e potrei andare avanti e avanti: l'MTChallenge racchiude una forza inimmaginabile.
Una forza fatta di entusiasmo, energia, abilità, saper fare, voglia continua di superare i propri limiti e mettersi in gioco.
Energia confluita nel primo, nel secondo e ora nel terzo volume della collana.
E non  so se è perché è "il piccolo di casa", ma ha un qualcosa in più...forse perché sperimentando s'impara, forse perché la grafica di Mai quest'anno rispecchia ancor di più la nostra "grande" famiglia, forse perché i dolci piacciono a tutti...non lo so, fatto sta che la regalità traspira da ogni pagina!
Argomento del libro questa volta sono i dolci, ad esser precisi i lievitati, quei dolci che diventarono ben presto simbolo del potere dei monarchi (le corone dei kugelhupf, dei babà, dei savarin, del Ferdinandkrapfen, del kringel e così via).
Oltre alle basi anche gli sciroppi e le bagne, i liquori, le acque profumate e le praline....130 ricette per incantare gli occhi e poi anche il gusto!
Un grazie ad Alessandra che come sempre è riuscita a coordinare tutta la "macchina libro", a Mai, a Paolo Picciotto per le fotografie, a Fabrizio Fazzari (editor instancabile e fiducioso) e Barbara Ottenello per l'impaginazione.
Grazie alla SAGEP che continua a credere nel progetto.

Questo è lo stile Mai...
...e questo lo stile Picciotto


Acquistando una copia di Insalata da Tiffany, contribuirai alla creazione di borse di studio per i ragazzi di Piazza dei Mestieri (link: http://www.piazzadeimestieri.it/), un progetto rivolto ai giovani oggetto della dispersione scolastica e che si propone di insegnare loro gli antichi mestieri di un tempo, in uno spazio che ricrea l'atmosfera di una vecchia piazza, con le botteghe di una volta- dal ciabattino, al sarto, al mastro birraio e, ovviamente, anche al cuoco. La Piazza dei Mestieri si ispira dichiaratamente a ricreare il clima delle piazze di una volta, dove persone, arti e mestieri si incontravano e, con un processo di osmosi culturale, si trasferivano vicendevolmente conoscenze e abilità: la centralità del progetto è ovviamente rivolta ai ragazzi che trovano in questa Piazza un punto di aggregazione che fonde i contenuti educativi con uno sguardo positivo e fiducioso nei confronti della  realtà, derivato proprio dall’apprendimento al lavoro, dal modo di usare il proprio tempo libero alla valorizzazione dei propri talenti anche attraverso l’introduzione all’arte, alla musica e al gusto.

3 commenti:

  1. il "qualcosa in più" è legato all'armonia con cui abbiamo lavorato, a ranghi allargati: è inutile che ci si giri intorno, ma quando un progetto è condiviso per davvero, è percepito come "tutto nostro", indipendentemente dalla quantità dei contributi dei singoli, i risultati si vedono e son sotto gli occhi di tutti: tant'è che per la prima volta non mi importa nulla, di aver di nuovo bucato i tempi, sforando alla grande anche stavolta. In testa c'eraun progetto, quello dovevamo realizzare- perchè quello era ciò che volevamo, tutti assieme. Un "tutti assieme" in cui tu sei il Bostik, una colla a presa rapida fatta di serietà, di bravura, di "testa bassa e pedalare"- ma anche di una complicità che non ha bisogno di parole per arrivare al cuore. cionosontante, il "grazie" te lo becchi lo stesso. E pure di quelli rimbombanti, sia chiaro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chi so lo aspettava!!!! Grazie bella donna in ballerine e in bocca al lupo per stasera!

      Elimina
  2. Io sono contenta che la nostra amicizia ogni giorno di più si rafforza...e tutto questo per lo spirito con cui affrontiamo il tutto....

    RispondiElimina