venerdì 2 gennaio 2015

Nociata per L'Italia nel piatto..da non replicare!

Provata dalle feste, gonfia di cibo non mollo.
 Con tenacia rispetto gli impegni presi e eccomi per l'uscita de L'Italia nel piatto.
Oggi il tema è quello della frutta secca...e visto che son sincera e visto che sono una mezza bestia vi comunico che la ricetta che ho realizzato è una cosa "terribile".
Ho scelto cosa fare e ho programmato il post senza aver prima provato il piatto: non replicherò l'errore.
Ma mi sento leggermente con la coscienza a posto visto che la ricetta non è mia, ma della Gosetti della Salda che, francamente, non mi ha mai deluso. Mio marito sostiene che dovevo capirlo da sola leggendo gli ingredienti...è vero: avrei dovuto, ma sono andata avanti inesorabile.
Mio figlio, al primo boccone, ha esordito con un: 
"Mamma: non puoi pretendere che un bambino della mia età mangi questa cosa! E' terrificante!"
Visto che sono cattiva dentro ho spiegato ai bambini di far finta che non ci fosse un domani e che fosse il loro ultimo pasto e li ho più o meno obbligati a finire...anche se agli ultimi bocconi li ho graziati, consapevole dello sforzo che gli ho imposto.
Chiedo scusa, ma non va sempre bene...d'altronde la stessa Gosetti specifica:
"Preparazione tipica del periodo natalizio, è apprezzata dalle persone che hanno una preferenza per i cibi salati-dolci. Viene gustata anche fredda"
...evidentemente noi non abbiamo una preferenza di questo tipo!
Auguri! cri



Ingredienti per 4 persone:

300 g di pasta corta (nel mio caso celletani)
150 g di gherigli di noci
40 g di zucchero semolato
un limone
cannella in polvere
sale

Lessate la pasta in acqua bollente salata. Nel frattempo tritate i gherigli di noce (ho usato un mortaio) e porli in una grande ciotola, unire lo zucchero, la scorza di tutto il limone grattugiata e un pizzicone di cannella, mescolando bene. Scolate la pasta a giusta cottura e versatela sopra le noci, rimestando tutto per bene: lasciatela riposare per cinque minuti, quindi servitela. 


Sono sicura che i miei compagni d'avventura avranno fatto meglio!

Lombardia: Amaretti lodigiani (Amareti ludesani)

30 commenti:

  1. Adoro la tua sincerità!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Amo questo lato di te, sei vera... però io questo piatto lo assaggerei molto volentieri... bravissima!

    RispondiElimina
  3. concordo viva la sincerità,dai succede a tutti di sbagliare, baci
    Miria

    RispondiElimina
  4. Ciao Cri, capita, anche io ho cucinato cose immangiabili, ma le ho cacciate nel solito confortante cassonetto! Bacioni e auguri

    RispondiElimina
  5. Ma era poi cosi tanto terrificante? Un po' insolita, ma l'aspetto è talmente invitante che ne assaggerei una forchettata ... morirò? Un abbraccio e buon anno

    RispondiElimina
  6. Questa è una pasta tipica umbra che si fa nel folignate durantebil periodo natalizio, ma con le tagliatelle! In ogni caso ha un sapore a cui non siamo più abituati da almeno 300 anni, e dubito che qualcuno ancora la cucini a casa :D temeraria Cri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ....infatti temeraria, ma quello a cui ho pensato al primo boccone è stato: "Con una pasta fresca sarebbe stato meglio!"...

      Elimina
  7. Tuo figlio è già mito del 2015, la sua una sconcertante denuncia delle costrizioni alimentari :D
    A dirla tutta il condimento non mi pare male, ma sicuramente non lo trovo adatto all'abbinamento con la pasta secca.. e lo trovo assai retrò, con un accostamento dolce/salato che mi pare molto medievale. Potevi convincere i pargoli che era il cibo preferito di qualche eroe/cavaliere medievale, magari avrebbe giocato in tuo favore ;)

    RispondiElimina
  8. Cristiana mi hai fatto morire!!! M'inchino dinnanzi alla tua sincerità!!!! Ma a me non sembra così terribile...l'aspetto è invitante...però mi fido di te! :-))) Un bacione e buon anno!

    RispondiElimina
  9. Un primo un pò insolito, però si può anche sbagliare. Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  10. Un primo che ricorda molto le tradizionali preparazioni Medioevali. Tentare non nuoce e dobbiamo ricordare che anche i più grandi sbagliano :D

    RispondiElimina
  11. sei da ammirare cara Cri...!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  12. Ahhh, sei unica! e tuo figlio un mito!
    Capisco che un ragazzo fatichi ad assaggiare un piatto così, ma sinceramente io lo proverei volentieri, magari quando il mio ragazzo mangia in mensa ;)
    Grazie della ricetta e dei commenti, che mettono in guardia i lettori! Buon anno!

    RispondiElimina
  13. Adoro la tua sincerità, sei una persona vera, buon anno cara!

    RispondiElimina
  14. Povr criatur, io invece sono predisposto a questo tipi di assaggi anche se sono un po' restio nel cucinarli.
    Sei una grande
    Buon Anno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. allora la prossima volta fai tu da cavia!

      Elimina
  15. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  16. Mi fai morire Cri!
    Più o meno gli ingredienti sono gli stessi del mio citillo, forse le patate vi stanno meglio, ma non ti invito a provare visto i gusti netti dei tuoi!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Este año como cada año, nuestro tren parara en alguna estación, depende de cada uno de nosotros dejar ir a la tristezas, miedos, frustraciones, malos momentos, desamor. Agradece a cada uno de ellos.. su compañía y sus enseñanzas, aunque hayan sido dolorosas, déjalos ir, déjalos bajar de este tren. Deseo que en esta parada, a tu tren suban miles de bendiciones, sueños alcanzables, amor, abundancia, fuerza y determinación para seguir tu viaje.
    Hoy en mi vagón quedaran puestos desocupados y espero te sientes a mi lado para compartir junt@s este nuevo viaje. FELIZ NUEVO COMIENZO EN ESTE AÑO 2015!!!

    RispondiElimina
  18. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  19. Evviva la sincerità!
    Applausi per te doppi e buon 2015!

    RispondiElimina