giovedì 2 aprile 2015

Vignarola

Buongiorno a tutti! Come sempre faccio notte, ma felice di farlo tra i miei fornelli a far confusione...si perché se si arriva a cucinare a notte fonda può capitare che si perdano dei pezzi per strada, ma forse le grandi ricette nascono proprio da errori di distrazione...o di stanchezza: chissà!
Per l'uscita di questo mese de L'Italia nel piatto ho scelto la vignarola. Non so se si possa definire vera e propria ricetta pasquale (questo il tema di oggi), ma di sicuro è sempre presente sulla mia tavola di Pasqua.
Una delle ultime volte che l'ho mangiata è stata cucinata da un'amica romana che l'aveva portata ad un incontro tra blogger...non mi ricordo se ci avesse messo la mentuccia o meno, ma ne parlammo...insomma ha vinto chi era del partito pro mentuccia e facendo un'indagine a livello familiare ho scoperto che anche il parentume è d'accordo per un si.
Insomma è una ricetta nata a Roma, come potrebbe essere il contrario? C'è anche chi è del partito pro pancetta, per restare più fedele alla tradizione ho scelto il guanciale.
Vignarola da ortolano ed infatti è l'orto coi sui primi frutti a far da padrone a questo piatto.
Buonanotte cri



Ingredienti (per 4 persone):

300 g di fave sgranate
300 g di piselli sgranati
2 carciofi romaneschi
1 cipollotto fresco
5 foglie di lattuga
200 g di guanciale
1 spicchio d'aglio fresco
olio extra vergine di oliva
sale e pepe
mentuccia

Portate a bollore dell'acqua salata e fatevi cuocere le fave per 5-6 minuti, devono essere morbide ma restare ben sode. Scolatele e trasferitele in una ciotola con acqua fredda.
Nel mio caso ho deciso di privarle anche della buccia esterna, ma quello potete deciderlo a seconda del vostro gusto e delle quantità che dovete preparare!
Fate la stessa cosa con i piselli.
Tagliate il guanciale a cubetti e fatelo rosolare a fuoco bassissimo in una padella fino a quando non diventa croccante.
In una pentola capiente fate stufare il cipollotto e l'aglio tritati grossolanamente. 
Pulite i carciofi privandoli delle foglie più dure e della barba interna, anche se in questo periodo essendo di stagione è difficile trovarne. 
Tagliateli a julienne e uniteli al trito di aglio e cipolla. Fate cuocere fino a quando non si saranno ammorbiditi. Aggiungete le fave, i piselli e le foglie di lattuga tagliate. 
Unite il guanciale e la mentuccia.
Aggiustate di sale e pepe eservite.


Gli altri partecipanti:


Valle d'Aosta: Frittata di patate e ortiche http://www.atuttopepe.ifood.it/2015/04/frittata-di-pa…sta-nel-piatto.html

Trentino-Alto Adige:  Fiadoni Trentini http://www.afiammadolce.ifood.it/2015/04/fiadoni-trentini.html

Friuli-Venezia Giulia: Pinze triestine http://ilpiccoloartusi.weebly.com/litalia-nel-piatto/pinze-triestina-per-litalia nel-piatto

Veneto: NON PARTECIPA




Toscana: Coniglio pasqualino (o in carciofaia)


Abruzzo: :Cuori,Pupe e Cavalli di Pasqua http://ilmondodibetty.it/cuoripupe-e-cavalli-di-pasqua.html
  

Campania: Minestra Maritata di Pasqua 


Basilicata: Pane di Pasqua salato
  





18 commenti:

  1. A casa mia in questo periodo è una delle cose più cucinate, e capita ogni tanto che ci mettiamo anche qualche asparago in mezzo, ci condiamo spesso la pasta, è buonissima!!
    Un abbraccio!
    Life, Laugh, Love and Lulu

    RispondiElimina
  2. Buonissimo piatto, lo preparava anche la mia nonna e me lo gustavo sempre con piacere! Buona Pasqua a presto

    RispondiElimina
  3. Mi piace tantissimo questo piatto... da provare al più presto, bravissima e buona Pasqua!

    RispondiElimina
  4. ....ovvero sei giunta alla conclusione che la mentuccia ci vuole? Troppo felice ! Vuol dire che quel pacchetto di mentuccia secca che ho acquistato a Roma, da Castroni, avrà un suo perchè non solo per i tortelli maremmani ma anche per la vignarola! *_*

    RispondiElimina
  5. un tripudio di verdure primaverili, come fa a non essere ideale per Pasqua! la mentuccia poi dà un tocco fresco ed unico... complimenti, una bellissima proposta!

    RispondiElimina
  6. Mamma mia che bontà, che bontà, che bontà!!! Piatto strepitoso!!! Complimenti Cristiana e tantissimi auguri di buona Pasqua!!!

    RispondiElimina
  7. Adoro questo piatto.. non l'ho mai assaggiato, eppure so che lo amo, mentuccia compresa (che alcuni mi dicono che vada anche nella trippa, quella di Nila ed Ermete - che per altro mi aspetta dopo Pasqua, già so)!!

    RispondiElimina
  8. L'ho scoperta qualche anno fa e da alllra non manca sulla tavola di Pasqua, anche se Roma è molto lontana.
    Claudette

    RispondiElimina
  9. Questo piatto è l'apoteosi del gusto primaverile! Buona Pasqua!

    RispondiElimina
  10. E' vero dagli errori e distrazioni nel corso della storia sono nate grandissime ricette.Questa e' una di quelle, piena di gusto di stagione.
    Bravissima

    RispondiElimina
  11. E' vero dagli errori e distrazioni nel corso della storia sono nate grandissime ricette.Questa e' una di quelle, piena di gusto di stagione.
    Bravissima

    RispondiElimina
  12. Una vera esplosione di primavera! Un abbraccio e buona Pasqua

    RispondiElimina
  13. Come ti capisco, cara Cris, oramai anche io perdo pezzi di preparazioni!
    Pensa che per Pasqua ho preparato la crostata di ricotta e cioccolato e ho dimenticato il cioccolato!!!!

    Comunque il tuo piatto è strepitoso, sono per il guanciale anche io e anche per la mentuccia.
    Prima o poi verrò a gustarlo direttamente da te.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Un piatt profumatissimo che sembra proprio avere il Lazio dentro!!!Bravissima!

    RispondiElimina
  15. Un tipico piatto primaverile, complimenti !

    RispondiElimina
  16. Quanto e' piccolo il mondo, anche da noi si prepara questo piatto che si chiama Zuppa primaverile.Si per la menta, no per il guanciale, noi utilizziamo ritagli di carne di maiale. Ciao.

    RispondiElimina
  17. buona, sai che non l'ho mai preparata? ma che romana sono? quest'anno non mi scappa, un bacione

    RispondiElimina
  18. Pasqua è passata, ma sono ancora in tempo per provare la tua vignarola: un vero trionfo di primavera!

    RispondiElimina