giovedì 6 novembre 2014

Torta stropicciata al latte di Vefa

In certe cose sono tignosa.
Ci riprovo, prima o poi entrerò nel mood dello Starbooks.
Dopo la figura miserrima che ho fatto la scorsa settimana ho deciso di cimentarmi nuovamente con Vefa e sempre con un dolce.
Alla prima botta nulla di fatto: insuccesso totale, ma arrendersi mai e così ho deciso di riprovare e questa volta è andata! Promossa al 100%.
Unico neo: mai sperimentare quando ad un invito a cena si dice "tranquilla al dolce ci penso io!"
Brutta, brutta figura....



Ingredienti:

6 cucchiai di burro chiarificato fuso (ne ho messi 4: il burro chiarificato per i miei gusti ha un sapore piuttosto forte e ho così deciso di ridurre di poco le dosi)
8-9 fogli di pasta fillo pronta (insisto sul "pronta". Nella prima versione andata male la pasta fillo è stata fatta dalla sottoscritta seguendo sempre la ricetta di Vefa, ma evidentemente non sono riuscita a stenderla molto sottilmente visto che in cottura è rimasta cruda)
1/4 di cucchiaino di cannella in polvere più quella per spolverare
750 ml di latte
6 uova
225 g di zucchero semolato extrafine
1 cucchiaino di estratto di vaniglia
zucchero a velo per spolverizzare

Accendere il forno a 180°.
Spennellare uno stampo da 35 cm con del burro fuso. Aprire un foglio di pasta fillo sul piano di lavoro e spingere i lati corti uno verso l'altro per dargli una forma a fisarmonica. 


Per farvi vedere "il come", ma la pasta è quella fatta da me...troppo spessa.

Disporla al centro dello stampo, in modo che stia in verticale.


Ripetere con i fogli rimasti, continuando la spirale fino a riempire la base dello stampo.
Spennellare la pasta fillo col burro fuso.
Spolverizzare con la cannella ed infornare per 25-30 minuti, o finché non è dorata.
Intanto versare il latte in una casseruola, portare quasi a bollore e togliere dal fuoco. In un'altra ciotola sbattere le uova con lo zucchero. Aggiungervi il latte a filo senza mai smettere di mescolare, aggiungere l'estratto di vaniglia.
Togliere lo stampo dal forno e distribuirvi il composto, coprendo uniformemente la superficie.
Rimettere in forno per altri 25-30 minuti, fino a quando la crema non si sarà addensata.
Spolverizzare con lo zucchero a velo e la cannella e servire subito.


Questa la versione con la pasta fillo acquistata.

Questa la versione con la pasta fillo fatta dalla sottoscritta....risultato: cruda.


A me il dolce è piaciuto molto. Ricorda un creme caramel, con l'aggiunta della cannella che per me è perfetta e il croccante della pasta fillo in superficie. Unico neo la quantità di uova: si sentono e parecchio, non so se con un quantitativo minore la crema si addenserebbe ugualmente. Chiedo a chi è più esperto di me.
Fosse per me ridurrei anche il quantitativo di zucchero, ma la dolcezza spiccata è una caratteristica dei dolci greci e quindi "ci sta"!
Sicuramente riproverò a fare la pasta fillo: mica ci si può arrendere al primo tentativo!
In generale dichiaro la ricetta promossa!

Con questa ricetta partecipo allo Starbooks Redone di novembre...


e al contest di Sugar Ness

17 commenti:

  1. Non ci credo! Sai che una delle ricette che mi ha subito colpita del libro di Vefa è proprio questa torta stropicciata?!
    Ogni volta che lo sfoglio torno immancabilmente su quella pagina, ma finora non mi sono ancora decisa a farla perché qui non riesco a trovare la phillo pronta e farla in casa mi mette un po' di ansia.
    La tua torta è venuta bellissima e mi mette ancora più voglia di provarci...e di intensificare la ricerca della phillo!
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se decidi di cimentarti stendila sottilissima...di più!

      Elimina
  2. che torta particolare! cmq con me vai sul sicuro perchè la fillo la compro sempre (non ho ancora mai avuto il coraggio di provarci!) e poi non dirmi che rinuncerai a "sperimentare" quando hai ospiti o porti il dolce a casa di amici perchè non ce la possiamo fare :-) è più forte di me, almeno ho qualche opinione in più sul risultato
    un abbraccio
    raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pasta fillo è come il fritto: con qualsiasi cosa la si cucini è goduriosa!

      Elimina
  3. Spettacolare Cri, semplicemente spettacolare!!!!
    Ho provato anch'io a fare la pasta fillo seguendo la ricetta di Vefa, tanti anni fa, quando ancora ignoravo pure l'esistenza dei blog, e pure io ho avuto il tuo medesimo problema: non sono riuscita a stenderla abbastanza sottile.
    Mi ero ripromessa di provarci di nuovo ma non l'ho mai fatto: tu mi hai offerto lo spunto, perché... DEVO ASSOLUTAMENTE FARE QUESTA TORTA!!!!!
    Bravisisma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere se ci riprovi e che risultati ottieni...forse va stesa con la macchinetta??

      Elimina
  4. grandiosa! questa torta è grandiosa, e grandiosa sei stata tu che ci hai riprovato.
    bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...torta da ripetere più e più volte!

      Elimina
  5. No, ma questa torta è meravigliosa, e mi piacciono le critiche (ed auto-critiche) mosse, gli appunti, ma anche il successo finale! Una torta bella e nelle mie corde :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche nelle mie! Peccato che non fosse in quelle dei figli....l'ho "dovuta" finire io!

      Elimina
  6. No, vabbè, devo farla subito O_O
    Grazie Cri!

    RispondiElimina
  7. Questa torta è un vero incanto! Grazie per avermela fatta scoprire e soprattutto per averla proposta per la mia raccolta! Ne sono davvero felice! Appena mi collego da pc mi unisco ai tuoi lettori (col cellulare non ci riesco!). Baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati, mi faceva piacere condividerla. Un abbraccio cri

      Elimina
  8. brava Cri!!! mai mollare, è anche il mio motto :)))
    questa torta è favolosa, grazie mille per avercela proposta!!!

    RispondiElimina
  9. Cristina, sono stata attratta da questa ricetta curiosando sullo Starbooks, che ho scoperto grazie ad una chiacchierata con Mariapia. Proverò a prepararla seguendo i tuoi consigli. Felice di conoscerti

    RispondiElimina