lunedì 28 marzo 2016

Abbacchio brodettato alla romana

Oggi comincia la settimana di cui sono ambasciatrice: quella dedicata al Quinto Quarto off course. Spero che, benché siate reduci dalle abbuffate di Pasqua, abbiate voglia di contribuire con qualche ricetta. 
Smemorata come sono ho scordato che avevo promesso una ricetta con l'abbacchio per la Giornata a lui dedicata a Manuela e così eccomi, rapida e indolore come mio solito.




Abbacchio brodettato alla romana ( ricetta dell'Accademia della Cucina Italiana):

1 kg di abbacchio
50 g di grasso di prosciutto
1 cipolla
olio extravergine d'oliva 
vino bianco
maggiorana
prezzemolo
uno spicchio d'aglio
3 uova
succo di un limone
sale e pepe

Tagliate a pezzi piccoli l'agnello, lavatelo e asciugatelo con un canovaccio di cucina. In un tegame di terracotta mettete a soffriggere in olio un trito di cipolla e grasso di prosciutto. Appena la cipolla sarà imbiondita, aggiungete i pezzi di abbacchio, conditeli con sale e pepe e lasciateli rosolare, bagnandoli poi con un bicchiere di vino bianco. Quando sarà quasi consumato, versatevi acqua o un mestolo di brodo caldo e continuate la cottura a fuoco moderato e tegame coperto, aggiungendo quando necessario altra acqua o brodo, in modo da mantenere sempre una certa quantità di liquido. A cottura avanzata, aggiungete un trito di aglio, maggiorana e prezzemolo e, a cottura ultimata, togliete il tegame dal fuoco, versando sopra l'agnello i 3 tuorli d'uovo precedentemente sbattuti insieme con il succo di un limone. Lasciate addensare questa crema mescolando continuamente. Servite caldo.


2 commenti:

  1. Grazie per il tuo contributo, sarà forse semplice come dici tu ma da leccarsi i baffi perché nonostante le abbuffate di Pasqua il tuo abbacchio stimola l'acquolina
    Grazie e buona Pasquetta
    Manu

    RispondiElimina
  2. È quello che abbiamo mangiato oggi. Buonissimo!

    RispondiElimina