giovedì 7 novembre 2013

Pane alle albicocche e cioccolato di Paul Hollywood

Scoprirsi  "tignosi" in età avanzata mi fa molto strano! Sono una che tendenzialmente "molla": mi stufo, cambio idea, mi annoia il riprovare...potere del blog sto cambiando...almeno in cucina!
Non so neanche perché tra le tante ricette del libro di Paul Hollywood abbia scelto questa...probabilmente perché dovevo smaltire delle albicocche secche (il processo mentale che mi porta a cucinare nasce spesso dal dover usare ingredienti in scadenza!). 
Mi metto al lavoro, ma ovviamente decido di aggiustare le cose a modo mio: il lievito liquido non ce l'ho e allora adatto le dosi della farina al mio lievito madre...se sono elastica su questo punto, invece seguo alla lettera le indicazioni sul tempo di lievitazione (5 ore più 13 ore), scordandomi delle differenti latitudini e delle conseguenti differenze climatiche. Attenzione nulla alla farina che uso.
Pubblico su facebook, visto il disastro ottenuto, le mie perplessità e subito mi vengono fatti notare, giustamente, questi errori...ma soprattutto inizio un colloquio virtulae con Teresa De Masi che mi fa scoprire un mondo parallelo: il mondo della farina! 
Si perché la sottoscritta era ferma alla farina di grano tenero 0 o 00, al massimo potevo arrivare alla manitoba...dalla chattata con Teresa son passata allo studio virtuale e, anche se c'è ancora tanto da imparare, almeno inizio ad avere una visione più ampia.
Decido di riprovare la ricetta e così ho trasformato parte della mia PM solida in licoli grazie ai post di Cranberry , di Anna e di Izn....e ora passo a descrivervi il tutto...che è meglio!
Ah, tanto per: ottimo risultato! Cri 


Rinfreschi del licoli:

1° Sono partita da 30 g di licoli a cui ho aggiunto 39 ml di acqua, ho miscelato e poi ho aggiunto 30 g di farina di forza manitoba. Ho girato col cucchiaio, coperto e lasciato riposare per 8 ore. Ho ottenuto 100 g di licoli.
2° Ho aggiunto ai 100g di lievito 130 ml di acqua e 100 g di farina di forza. Di nuovo ho amalgamato il tutto e lasciato riposare per 8 ore. Ho ottenuto circa 220 g di licoli.
Poolish. Ho miscelato il licoli ottenuto con 220 ml di acqua e 220 g di farina di forza (manitoba), coperto e lasciato riposare per 8 ore. A questo punto avevo 500 g di lievito liquido.

Ingredienti:

750 d di farina forte (ho usato una W 330-360)
500 g di lievito liquido
15 g di sale
250 g di cioccolato fondente tritato grossolanamente
300 g di albicocche secche
350-450 ml di acqua tiepida
olio d'oliva per lavorare

In un'ampia ciotola mettere la farina, il lievito, il sale, il cioccolato e le albicocche. 
Aggiungere 350 ml di acqua ed iniziare a lavorare con le mani, aggiungendo altra acqua ove fosse necessario. Lavorare fino ad ottenere un composto soffice ed omogeneo. Rovesciare l'impasto sulla spianatoia unta leggermente con l'olio d'oliva ed iniziare ad impastare con la tecnica dello stretch and fold per 5-10 minuti.
Trasferire l'impasto in una ciotola unta, chiudere in un sacchetto di plastica e lasciar riposare fino al raddoppio. Riprendere l'impasto e, sulla spianatoia infarinata, suddividerlo in due, lavorarlo velocemente e delicatamente per far fuoriuscire tutta l'aria. Infarinare un telo, posizionato su una teglia da forno,  e disporvi le due pagnotte. Chiudere in un sacchetto di plastica e lasciar riposare fino al raddoppio. 

Preriscaldare il forno a 200 °C. Trasferire le pagnotte su una teglia rivestita di carta forno, infarinare delicatamente la superficie e con l'aiuto di un coltelo ottenere delle losanghe. In fono per circa 35 minuti.



Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Oggi pane e salame domani....


...e a Colors and Food di novembre 

29 commenti:

  1. deve essere ottimo! che bellissimo lavoro di squadra :D
    un bacione
    sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si in effetti il web aiuta molto...un abbraccio cri

      Elimina
  2. Che bel pane! Ma ci vuole tantissima pazienza...non credo che ce la farei...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti...mi sono lasciata prendere! Un abbraccio cri

      Elimina
  3. Bello bello il tuo pane. L'ho provata anch'io la madre liquida, ma mi trovo sempre meglio con la tradizionale e ultimamente mi vengono dei pani buoni buoni. Per le farine poi nutro un'autentica passione. Aborro 00 e Manitoba e adoro il farro e le 1. Al mercato della terra qui a bologna ne trovo delle locali davvero buone! Domani pan di zucca. Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho già fatto una lista dei mulini di zona...ora vivo sull'onda dell'entusiasmo per la liquida, ma la solida ancora non l'ho abbandonata! Un bacio cri

      Elimina
  4. Ottimo aspetto e grande pazienza nel farlo.......ce la farei??? Non credo! :)

    RispondiElimina
  5. sei stata bravissima cara! ;D mi piace da morire! Val

    RispondiElimina
  6. Sempre brava! Le farine sono tutto un mondo a parte e da quando sperimento di più mi rendo conto di sapere sempre meno...boh! :-)
    Baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici...e poi nel tuo caso credo che il discorso si faccia ancora più complesso! cri

      Elimina
  7. Che spettacolo...sono sempre convinta che sbagliando si impari! Questo pane è strepitoso e goloso al punto giusto!
    Anche a casa mia si finisce per cucinare quello che c'è in dispensa...

    Baci e buon weekend
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...quello sicuro e sono anche una sostenitrice del repetita juvant! Un bacio cri

      Elimina
  8. Questa è una signora pagnotta... bontà, bontà!!!! Un bascione!

    RispondiElimina
  9. quando si dice che panificare è un gesto d'amore...Bravissima! Un pane meraviglioso che senza dubbio potrai utilizzare nel corso dei giorni, senza fretta perché sempre buono. Panificare è un'arte, non ci si improvvisa, un po' come in pasticceria no?
    Grazie per avere pensato a noi dedicandoci questa ricetta pensatissima!
    Buon fine settimana, Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...spero di riuscire a produrre altro! un bacio cri

      Elimina
  10. Urca... io panifico a sentimento, e si vede. Ma da quando ho scoperto le farine macinate a pietra- e ormai son anni- uso solo quelle. Poi mi incasino con le conversioni, sul blog, perchè scrivo 00 ma io hissà che cosa ho usato... anche perchè nei muini dove mi servo io si macina e basta, senza sapere quante proteine ci sono: vai, prendi il tuo sacco, paghi e te ne torni a casa, bello felice :-)
    Le albicocche secche, in compenso, le ho comprate apposta. solo che qui non smette di piovere, nel fine settimana- e durante non è che sia tanto meglio... e per una che ha l'ansia da lievitazione, non va bene.
    Pane da urlo... e ho comparto l'utlimo libro di hollywood, quello sulle pies e sulle torte... se hai bisogno, fai un fischio ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti il rispetto di tante regole mi allontana un pò dalla panificazione perché il seguire alla lettera le ricette non è cosa che mi appartiene, ma poi il gusto di mettere le mani in pasta è talmente alto che non riesco a farne a meno! cri

      Elimina
  11. Ciao, ti ringrazio per aver partecipato alla raccolta "Voglia di lievitati".

    Sono gentilmente a chiederti:
    - di inserire la tua proposta in questa pagina cliccando sul tastino blu in fondo all'elenco: http://www.oggipanesalamedomani.it/2013/11/04/voglia-lievitati/
    - se hai già condiviso il tuo post con il tag a @oggipaneesalame su Facebook o su Twitter (te lo chiedo perché non mi è arrivata la notifica, se l'hai fatto scusami, ricontrollo subito!).

    Fammi sapere se ti ho già inviato l'invito per la bacheca condivisa su Pinterest.
    Se si, carica la tua proposta come da Regolamento, se no, clicca su Follow al link indicato e fammi sapere il tuo url, così potrò inviarti l'invito: http://www.pinterest.com/oggipanesalame/

    Ricordati che puoi partecipare con 3 ricette, visto che quewsta è "nuova" ti aspetto con altre 2 proposte pubblicate in date precedenti :)

    Attendo tue notizie, grazie, a presto :)

    Sonia

    RispondiElimina
  12. Ciao Cri :) Guarda, io grazie al blog ho scoperto di essere costante, paziente (questo lo sapevo già ma ho scoperto - per quanto riguarda la cucina e i dolci, le decorazioni - pazienza oltre ogni limite :D), calma, determinata... tutte caratteristiche che credevo di non avere o che comunque non ho in molte altre cose... questo perché quando una cosa ti piace veramente è tutta un'altra storia! Mi sto appassionando ai lievitati ma sono quasi a zero, capirai, ce n'è di strada da fare! Tu sei davvero brava e questo pane è stupendo, poi l'abbinamento albicocche - cioccolato mi fa impazzire :) Complimenti, un bacione e buona settimana :** P.s.: come ho scritto anche in risposta al tuo commento, purtroppo nemmeno io sarò a Milano... e mi dispiace tanto. Speriamo di rifarci presto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vale...in effetti quando ami quello che fai la dedizione che ci metti è tutt'altra storia! Vedrai che a breve inizierai a sfornare di tutto di più! cri

      Elimina
  13. Questo non e' un post, e' un trattato di farinologia. Grazie comunque, ultimamente anch'io ho avuto problemi miscelando polenta e farina integrale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh polenta e farina integrale la vedo dura...spero sia stata almeno la fioretto e non la precotta!!! Un bacio

      Elimina
  14. oh mamma!! Non voglio neanche sapere cosa siano i licoli, ho ceduto al fascino della pasta madre da un paio di settimane, so che c'è un mondo di pane tutto da scoprire, tempo al tempo...tu sei bravissima!!! Ciao, Cris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...Licoli? Semplicemente pasta madre liquida....ci arriverai!!!!

      Elimina
  15. Questo pane dolce ha un'aria buonissima, complimenti!!
    Io ormai uso solo il lievito liquido!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina