venerdì 21 febbraio 2014

Gyoza-Strudel gluten free...per amore

Ho voluto provare anch'io l'ebbrezza di tirare la sfoglia sottile con le farine senza glutine...e alla fine è andata...qualche piccolo cedimento in cottura ma ha resistito!
Quando l'altro giorno ho preparato lo strudel al cavolo rosso, mio marito mi ha detto:
"Ma la pasta assomiglia a quella dei ravioli cinesi...mi fai un raviolone???" 
E raviolone fu!!
Questa volta niente mele...anche se una renetta avrei potuto anche metterla nell'impasto, ma per una volta ho deciso di non rischiare la sorte!
E allora visto che ho trasgredito, l'ho fatta grossa mandando il "tedescone" in gita in Giappone!!
I bambini felici, lui soddisfatto...risultato ottenuto!
Buona giornata Cri




Ingredienti per la pasta (seguire tutte le spiegazioni di Mari):

150 g di mix farine gluten free Conad
1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva
50 ml di acqua ( ne ho dovuta aggiungere un po')
1 pizzico di sale

Ingredienti per il ripieno:

200 g di cavolo 
500 g di maiale macinato
2 cucchiai di salsa di soia
2 cucchiai di olio di sesamo
2 cucchiaini di zucchero di canna
2 spicchi d'aglio
radice di zenzero
2 cucchiai di Maizena
sale


Ingredieti per la salsa:

80 ml di salsa di soia
2 spicchi d'aglio
radice di zenzero
2 cucchiai di aceto di riso 
1 cucchiaino di zucchero di canna

Scaldare l'acqua e versarla sul mix di farine con il sale e l'olio. iniziare ad impastare ottenendo un composto omogeneo ed elastico, abbastanza morbido. Ho dovuto aggiungere altra acqua per favorire l'assorbimento della farina. Far riposare circa 30 minuti coperto.
Per il ripieno. Portare a bollore dell'acqua e farvi lessare per 3-4 minuti parte di un cavolo. Scolare, far raffreddare sotto l'acqua corrente e tagliare a listarelle.
Impastare la carne con dello zenzero grattugiato (un paio di cm di radice), i due spicchi d'aglio sempre grattugiati, l'olio di sesamo, la salsa di soia, lo zucchero e il sale. Aggiungervi il cavolo e la Maizena sciolta in qualche cucchiaio d'acqua. Ottenere un composto omogeneo.
Portare a bollore una casseruola piena di acqua in cui possa entrare lo strudel.
Riprendere la pasta e stenderla su di un telo infarinato. Disporvi il ripieno, lasciando liberi un paio di centimetri dei bordi. Richiudere arrotolando su se stesso. Chiudere nel telo a formare una caramella aiutandosi con dello spago. Mettere nell'acqua bollente per circa 45 minuti, affinché la carne si cuocia.
Togliere lo spago, srotolare e affettare.
Per la salsa. Lasciare in infusione la salsa di soia con l'aceto di riso, l'aglio tagliato a fettine insieme allo zenzero e al cucchiaino di zucchero per circa un'ora. Passare attraverso un colino e servire.



Con questa ricetta partecipo all'MTC di febbraio

13 commenti:

  1. Anche giap mi diventi! Il ripieno è perfetto e lo rifarei subito stasera. Ho bisogno di gratificazioni e il cibo orientale me ne da tante!
    Bravissima anche come GF... chapeau!
    Nora

    RispondiElimina
  2. Hai riportato anche me in vacanza in Giappone, spero di rivederti rpestissimo..baci, Flavia

    RispondiElimina
  3. Tesoro non sai quanto sia felice di questa tua prova!!! Questa è da temerari!!! E sapere che potrei assaggiare questa delizia, mi fa apprezzare ancora di più il tutto… E sì, una mela nel ripieno l'avrei vista bene (ma io amo mescolare dolce e salato).
    Un ultima cosa, siccome la salsa di soia contiene glutine, puoi specificare che deve essere salsa di soia tamari che non ne contiene???
    P.s. Ecco perché ti adoro, perché tu sei oltre!!!

    RispondiElimina
  4. questa versione mi piace ASSAI!!! un bacetto bellezza

    RispondiElimina
  5. Uauh ricetta davvero particolare e gustosa!! Complimenti

    RispondiElimina
  6. No guarda questa del gyoza è una roba fantastica! Tu sei un genio!! :D
    E poi provare la sfoglia senza glutine ti fa davvero onore, lasciamelo dire, sei grande!
    Un bacione

    RispondiElimina
  7. ciao cara
    personalmente non amo i ravioli al vapore ma questa tua preparazione senza glutine farà la gioia di chi invece li ama e deve fare ameno del glutine. Ci avrei visto anche io bene la mela!! brava complimenti
    bacio

    RispondiElimina
  8. Ma che meraviglia!!!!! Bravissima!!!

    RispondiElimina
  9. Bellissima idea! Complimenti!

    RispondiElimina
  10. Ma lo sai che questa è davvero un'idea pazzesca? Mi piace, mi piace tantissimo, mi piace la cucina orientale (ancora devo scoprire quali cucine non mi piacciano) e in versione strudel, per di più gluten free, non me la sarei mai immaginata.
    Bravissima e grazie mille :)
    Mari

    RispondiElimina
  11. mi piace, mi piace davvero... anche da noi i ravioli al vapore sono sempre presenti nel menù al ristorante sono sicura che piacerebbe da matti qui! e complimenti per la prova glutenfree, non ci si ferma davanti a niente!!! un bacione!

    RispondiElimina
  12. amo le contamnazioni, amo la cucina giapponese, amo il nord, amo pure te :-) e quando fai queste cose, ancora di più. cimentarti col gluten free, è un bonus ulteriore, che dà la misura di una generosità che oltrepassa i limiti consueti della condivisione. ci son tanti modi, per mettersi nei panni degli altri: ma farlo quando si cucina, è un segno di sensibilità estrema e un modo per rendere ancora più ricco- e più buono- quello che esce dalle nostre mani. non sai quanto ti ammiri, in questo momento...

    RispondiElimina
  13. ma chi te l'ha fatto fare, di farlo pure gluten free, potrebbero chiederti alcuni?
    e invece non sai quanto apprezziamo, dalle nostre parti.
    anche perché per questo tuo esperimento hai anche messo in campo una farcia da urlo!
    grazie, grazie davvero!

    RispondiElimina